Scalare il Kuiluu Range

Vecchi camion sovietici, noodles piccanti e cime frastagliate... cosa non ti piace?

Hai mai desiderato realizzare una prima ascensione? I nostri amici Sebastian, Annick e Felix sono partiti per una spedizione di 4 settimane nella catena montuosa del Kuiluu, nel sud-est del Kirghizistan, per tentare di raggiungere la prima vetta del "Dragon Peak".

Il loro obiettivo era quello di ridurre al minimo l'impatto ambientale, facendo amicizia con gli autisti locali che li avrebbero portati ad attraversare il fiume Kuiluu e da lì a viaggiare senza supporto nella valle. Come in ogni spedizione remota, metà del viaggio consisteva nell'arrivare al campo base, dove l'avventura iniziava davvero.

Leggi qui di seguito la loro storia, dalla pianificazione del viaggio alla lista dell'attrezzatura... Guarda anche gli Heron Glaciers indossati durante questa spedizione.

In conversazione con Sebastian Kegreiss

Quanto è difficile trovare cime non scalate e cosa ti ha spinto a scegliere la tua?

Si inizia con un'intensa attività di pianificazione e ricerca. Sorprendentemente, trovare cime non scalate non è così impegnativo come potrebbe sembrare. Ci sono molte regioni remote in tutto il mondo che vantano migliaia di montagne, la maggior parte delle quali non è mai stata conosciuta.

Approfondendo i resoconti delle spedizioni passate in queste aree meno conosciute, potrai iniziare a verificare le zone adatte a ciò che stai pianificando.

Avete viaggiato con una borsa a testa, quali erano i vostri bagagli essenziali?

Oh, cavolo, si trattava più che altro di capire cosa non mettere in valigia, visto il nostro limite di 20 kg per il bagaglio da stiva. Viaggiare leggeri è davvero la strada da percorrere sia per le spedizioni di arrampicata che per lo zaino in spalla.

I miei tre elementi essenziali? Un buon libro, un asciugamano fidato e dei buoni cucchiai (sì, davvero, siamo riusciti a rompere tutti e 5 i cucchiai che avevamo portato con noi alla fine del viaggio) e, naturalmente, i miei Heron Glaciers!

Come hai pianificato il tuo viaggio verso il basecamp?

Grazie al resoconto della spedizione di Burgess e Reynolds del 2018, sapevamo che era possibile raggiungere la fine della valle di Oroy. Quello che non sapevamo è quanto potessimo avvicinarci al suo ingresso.

Abbiamo noleggiato un vecchio camion sovietico GAZ-66 da un riparatore locale per portarci lì, partendo alle 2 del mattino. Questo camion era praticamente un carro armato con un'altezza da terra di oltre un metro. Avevamo bisogno di ogni centimetro per attraversare il grande fiume Kuylu nella valle.

C'era sicuramente una discreta quantità di vibrazioni del tipo "lo scopriremo quando arriveremo", soprattutto quando si trattava di attraversare il fiume. Non avevamo idea di quanto lontano ci avrebbe portato il camion, o se avremmo potuto attraversare in sicurezza. Google Translate è stato un vero e proprio salvavita e quando gli autisti hanno tenuto la loro musica rap russa a tutto volume, abbiamo capito che avevano la situazione sotto controllo!

"Fare qualsiasi cosa all'aperto è divertente, ma farlo con alcuni dei tuoi migliori amici rende il viaggio indimenticabile".

Attrezzatura essenziale

  • Casco da arrampicata
  • Imbracatura
  • Asce da ghiaccio (2x per ghiaccio ripido, 1x ordinario)
  • Kit di salvataggio in crepaccio (Micro Traxion, Tiblock, Carrucola)
  • Moschettoni
  • Corda statica sottile (30 m in totale)
  • 10x Viti per ghiaccio
  • Imbragature
  • Prusik
  • Tubero
  • In-Reach (telefono satellitare)
  • Bastoni da passeggio
  • Zaino 90l
  • Zaino 30l
  • Fascia per capelli
  • Pannelli solari (2x)
  • Tichu (qualsiasi gioco di carte va bene)
  • Ghiacciai VALLON Heron
  • Piumino
  • Giacca pioggia/vento
  • Pile
  • Camicia e slip termici (2x)
  • Magliette (2x)
  • Stivali da alpinismo
  • Scarpe da avvicinamento
  • Gas da cucina 200g (12x)
  • Pentola di cottura (5L)
  • Cucchiai (5x)
  • Kit di primo soccorso
  • Kit di cucito per umani
  • Kit di cucito per vestiti
  • Tenda da 1 persona (per riporre l'attrezzatura e il cibo)
  • Tenda per 3 persone
  • Set di riparazione per tende

Estratto del diario: Scalare il Picco dei Draghi

Sotto un cielo stupendo pieno di stelle, ci siamo imbarcati dal nostro Campo Base Avanzato (ABC), situato a circa 3.800 metri. Dopo un'ora di navigazione nella parte iniziale del ghiacciaio senza neve, abbiamo incontrato la nostra prima sfida: un labirinto di crepacci. In questo tratto iniziale, la maggior parte dei crepacci correva parallelamente al nostro percorso. Quando il ghiacciaio divenne più complesso, scegliemmo un percorso lungo il suo lato sinistro, evitando un nevaio che ci impediva di vedere i crepacci sottostanti. Diversi crepacci consistenti hanno messo alla prova la nostra flessibilità e le nostre capacità di salto, portandoci a utilizzare viti da ghiaccio per l'assicurazione durante il primo e il secondo tentativo.

Al sorgere del sole, raggiungemmo la sella 'Dragons Neck'. Da lì abbiamo seguito la cresta, assicurando la via con un paio di viti da ghiaccio posizionate strategicamente. La navigazione sulla cresta è stata complicata dai crepacci invisibili, che hanno richiesto un'attenta considerazione. Prima della seconda sezione impegnativa, abbiamo costruito un ancoraggio a T per garantire una salita finale sicura su neve e ghiaccio ripidi.

Nonostante il vento pungente, eravamo felicissimi di aver superato con successo il tratto in cui eravamo dovuti tornare indietro due volte. Il resto del viaggio ha richiesto circa mezz'ora di salita per raggiungere la vetta: un momento pieno di un indescrivibile senso di realizzazione e di una vista impressionante. Woohoo!

Tagliatelle piccanti e crepe senza fondo

Com'è stato raggiungere la vetta con successo?

È stata sicuramente una sensazione speciale arrivare in cima. La spedizione aveva previsto un viaggio di ricognizione e due tentativi di raggiungere la vetta, e alla fine l'abbiamo conquistata proprio nell'ultimo giorno di scalata della nostra spedizione. Andare d'accordo come squadra è incredibilmente importante per spedizioni lunghe come questa ed è essenziale per il successo. Penso che abbiamo fatto un buon lavoro in questo senso.

Come hai scelto il nome "Dragon Peak"?

La decisione di chiamarlo Dragon Peak è stata ispirata, in parte, dal ghiacciaio sottostante, che ricordava le squame della pelle di un drago, ma soprattutto dal fatto che il giorno prima di raggiungere la vetta ci eravamo concessi una zuppa di noodle incredibilmente piccante per pranzo!

Segui le avventure di Sebastien qui:

I ghiacciai VALLON Heron sono stati testati sulle vette più alte del mondo, tra cui K2, Annapurna ed Everest. Con protezioni laterali in pelle e lenti Cat. 4, sono il paio perfetto per qualsiasi avventura ad alta quota. Aggiungili subito alla tua collezione!

Visualizza la Collezione Heron

Il tuo carrello è vuoto.